• chirurgo plastico caserta raffaele rauso
  • chirurgia plastica caserta raffaele rauso
  • chirurgia plastica estetica caserta raffaele rauso

Lipofilling Caserta

Lipofilling che cos’è

Il lipofilling è un trattamento chirurgico oramai in voga da più di venti anni, in poche parole si tratta di un prelievo di grasso dalle aree dove è eccedente (addome, cosce, etc) e dopo suo opportuno trattamento questo grasso viene iniettato proprio come un filler (quindi come sostanza riempitiva). Fino a pochi anni or sono il lipofilling era proclamato come “la panacea per tutti i mali”, ovvero si pensava che con questa procedura agevole e non troppo complessa si potesse risolvere qualsiasi problema di volume, come ad esempio anche l’aumento di volume del seno, tuttavia all’aumentare delle conoscenze in materia e sopratutto all’aumentare della comprensione dei meccanismi di attecchimento del grasso trapiantato le indicazioni sono molto cambiate. Punto fondamentale, per un corretto intervento di lipofilling, o trapianto autologo di grasso, è che non tutto il grasso trapiantato attecchisce, quindi il risultato raggiunto al termine dell’intervento non sarà quello definitivo, perché una porzione variabile di questo grasso si riassorbirà. 

 

Lipofilling quando si fa

Il lipofilling è un intervento ideale nei casi in cui c’è bisogno di aumentare di poco i volumi, come ad esempio gli zigomi (che generalmente richiedono circa 3 mL di grasso per lato), oppure per correggere piccole imperfezioni del seno dopo un precedente intervento estetico e/o ricostruttivo; nei casi in cui si desideri aumenti marcati, come per esempio l’aumento del seno, questa metodica potrà dare diversi insuccessi con conseguente insoddisfazione da parte del paziente e del chirurgo. Tuttavia c’è da sottolineare che, effettuando più sedute di lipofilling nel tempo (una volta ogni 4-6 mesi) sarà possibile progressivamente notare un aumento stabile del volume.

 

Lipofilling come si fa

L’intervento di lipofilling viene agevolmente eseguito in anestesia locale con sedazione, in regime ambulatoriale (a meno che non vengano richiesti grossi quantitativi per modellare diverse aree anatomiche). Nell’area ove è presente il cuscinetto adiposo “donatore” verrà infiltrata una soluzione contenente fisiologica, adrenalina ed un anestetico locale (la lidocaina va evitata perché è tossica per le cellule di grasso), dopo un’attesa di circa 15 minuti il grasso viene aspirato, o con cannule sottilissime (2 mm) connesse ad una siringa o tramite apposite apparecchiature; l’adipe appena allestito deve essere “purificato” dalla soluzione contenete anestetico e adrenalina precedentemente infiltrata (le tecniche sono diverse, ma nessuna ha dimostrato di essere superiore rispetto alle altre, tra queste ricordiamo: la centrifugazione, la decantazione, la sedimentazione, il semplice lavaggio con fisiologica, etc.) e successivamente può essere infiltrato nella zona ricevente.

 

Lipofilling degenza-post operatoria

Dopo un intervento di trapianto autologo di grasso (lipofilling) non c’è una vera e propria degenza, l’area donatrice verrà medicata con una leggera compressione per i primi 3 giorni, l’area ricevente invece non deve assolutamente essere compressa per ridurre al minimo la possibilità di attecchimento del grasso trapiantato. Ad ogni modo il paziente potrà tornare rapidamente alle sue abitudini quotidiane seguendo poche attenzioni indicate dal chirurgo.

 

Lipofilling possibili complicanze

La complicanza peggiore, ma forse anche l’unica, è rappresentata dal riassorbimento completo del grasso trapiantato, quindi in questo caso è come se avessimo fatto l’intervento inutilmente. E’ molto importante, ai fini dell’attecchimento del grasso, che quest’ultimo non sia infiltrato a boli, ma in quantità minime in modo tale da massimizzare la possibilità di attecchimento; inoltre sarà determinante anche il processo di allestimento del grasso, il quale non deve essere eccessivamente traumatico e listare le cellule adipose prelevate, non per ultimo il tempo tra il suo allestimento e la sua infiltrazione deve essere piuttosto ristretto per garantire al massimo la sopravvivenza degli adiposità da trapiantare.

 

Lipofilling alternative terapeutiche

Il lipofilling di per se si presenta come un’alternativa ai filler presenti in commercio, per tanto nel caso in cui il paziente non avesse adipe in eccesso o nel caso non volesse sottoporsi a questo piccolo intervento ambulatoriale, sarà possibile utilizzare filler riassorbibili per rimediare temporaneamente al problema. 

 

 

Per maggiori informazioni sul lipofilling contatta il dottore Raffaele Rauso c/o la Centro Polispecialistico S.Apollonia, in via Martiri del Dissenso, 47 S.Maria Capua Vetere (Caserta)

Richiesta informazioni Gratuite

Segui il Dottore su Twitter

Dove opero a Caserta

 

Centro Polispecialistico S. Apollonia, in via Martiri del Dissenso, 47 S. Maria Capua Vetere (Caserta)