• chirurgo plastico caserta raffaele rauso
  • chirurgia plastica caserta raffaele rauso
  • chirurgia plastica estetica caserta raffaele rauso

Protesi sotto muscolare per l'aumento del seno

L’inserimento di una protesi nello spazio sotto muscolare per l'aumento del seno, o più dettagliatamente nello spazio dual plane (sotto-muscolare parziale) è più complesso rispetto al semplice alloggiamento sotto ghiandolare, l’intervento prevede l’allestimento di una tasca creata dividendo il muscolo tra i suoi 2/3 superiori ed il suo terzo inferiore, pertanto i 2/3 superiori della protesi saranno coperti dal muscolo, il terzo inferiore dalla ghiandola, per questo si parla di dual plane o sotto muscolare parziale. Ciò viene effettuato proprio per evitare che i bordi della protesi siano visibili e palpabili, quindi eseguire questo intervento allestendo una tasca dual plane darà dei risultati molto più naturali perché in poche parole la protesi viene nascosta. L’alloggiamento sotto muscolare però crea delle piccole limitazioni per i primi giorni post operatori, essendo il muscolo grande pettorale attaccato alla testa dell’omero, l’osso del braccio, vien da se che l’elevazione delle braccia sarà più fastidiosa nei primi giorni post operatori, ma una volta trascorsa la degenza ci saranno solo i benefici descritti prima. L’alloggiamento della protesi nello spazio sotto muscolare inoltre “ripara” la protesi da eventuali batteri che possono entrare per via retrograda dal capezzolo, e non per ultimo è scientificamente dimostrato che l’area sotto muscolare abbia un indice di contrattura capsulare (rigetto della protesi) molto più basso rispetto all’alloggiamento sotto ghiandolare, si ipotizza che questo sia dovuto ad una sorta di massaggio continuo che il muscolo pettorale esercita quotidianamente durante i movimenti delle braccia che effettuiamo involontariamente. Non per ultimo, il posizionamento sotto muscolare di una protesi permette senza nessunissimo problema di effettuare indagini di screening del tumore al seno come la mammografia; durante questa indagine il seno viene letteralmente schiacciato da due pannelli, vien da se che, se la protesi è alloggiata sotto il muscolo, questa pressione, che potrebbe determinare problemi alla protesi, non intacca minimamente la protesi che è “protetta” dal muscolo grande pettorale.   

 

 

Per maggiori informazioni sulle protesi sottomuscolari per una mastoplastica additiva contatta il dottore Raffaele Rauso c/o la Centro Polispecialistico S.Apollonia, in via Martiri del Dissenso, 47 S.Maria Capua Vetere (Caserta)

Richiesta informazioni Gratuite